info dovesiamo


Il Museo del Papiro “Corrado Basile”, creato e gestito dall’Istituto Internazionale del Papiro, istituzione culturale avente personalità giuridica senza fini di lucro, è stato fondato da Corrado Basile e Anna Di Natale nel 1987.

home1

Il Museo del Papiro si occupa dello studio, della conservazione e della divulgazione delle testimonianze della cultura del papiro, cui spetta un posto di prim’ordine nella storia della civiltà. Il Museo svolge attività di recupero di manufatti e di documentazione sull’uso della pianta del papiro tra le diverse popolazioni, nonché attività di ricerca i cui risultati hanno fornito un concreto contributo alla soluzione di molti quesiti che vanno dall’origine del papiro alla salvaguardia dei papiri del fiume Ciane (Siracusa), dalla valorizzazione delle tradizioni storiche legate al papiro agli studi sulle antiche tecniche di manifattura e al trattamento e conservazione dei documenti papiracei.

Facebook

Tirocini al Museo del Papiro “Corrado Basile”

Il Museo del Papiro “Corrado Basile” offre agli studenti (che abbiano già compiuto 18 anni) l’opportunità di effettuare tirocini gratuiti nei vari campi di attività dell’istituzione museale.

Accoglienza.
Il presente annuncio è rivolto agli studenti che intendono svolgere attività di accoglienza all’interno della struttura museale: curare l’accoglienza dei visitatori, facilitare le informazioni sul percorso museale, sui reperti e sulle attività didattiche e altro.
Il Museo provvederà a dare ai tirocinanti selezionati le informazioni necessarie per svolgere la loro opera. I tirocinanti dovranno fornire la loro collaborazione per un periodo non inferiore a tre settimane consecutive. Periodo richiesto: luglio – ottobre 2016.
Gli interessati possono inviare la propria candidatura, con allegato CV, ai seguenti indirizzi di posta elettronica: segreteria@museodelpapiro.it info@museodelpapiro.it
Il Museo rilascerà attestazione di tirocinio. Il tirocinio non si configura in alcun modo come rapporto di lavoro.

Museo del Papiro “Corrado Basile”
ex convento di Sant’Agostino
Via Nizza, 14
96100 Siracusa
... See MoreSee Less

Vedi su Facebook

Foto dal post di Museo del Papiro "Corrado Basile" (3 photos) ... See MoreSee Less

Vedi su Facebook

XVI CONVEGNO DI EGITTOLOGIA E PAPIROLOGIA
Siracusa, 29 settembre – 2 ottobre 2016

PRIMA CIRCOLARE

Carissimi,
abbiamo il piacere di annunciare che il XVI Convegno di Egittologia e Papirologia, organizzato dall’Istituto Italiano per la Civiltà Egizia congiuntamente con il Museo del Papiro “Corrado Basile”, avrà luogo a Siracusa da giovedì 29 settembre (pomeriggio) a domenica 2 ottobre (mattina).

Il Convegno, come il precedente, sarà a tema libero per favorire la partecipazione, con la presentazione delle proprie ricerche, di giovani studiosi.

Sede del Convegno:
Museo del Papiro “Corrado Basile”
ex convento di Sant’Agostino in Ortigia
Via Nizza n. 14
96100 Siracusa
Tel. 0931 22100

Proposte di comunicazione:
Tutti i relatori dovranno presentare titolo e abstract del loro contributo, la cui accettazione è subordinata alla valutazione da parte del comitato scientifico. Il termine ultimo per la presentazione del titolo e dell'abstract è il 31 luglio 2016. Le proposte dovranno essere inviate ai seguenti indirizzi di posta elettronica: info@iice.it segreteria@museodelpapiro.it
Si prevede, come di consueto, la pubblicazione degli atti del Convegno.

Quota di partecipazione:
Non è richiesta la quota di partecipazione al Convegno ai membri dell’I.I.C.E. in regola con il pagamento della quota annuale 2016 e ai giovani studiosi.
La partecipazione al Convegno sarà aperta anche a studiosi seniores non iscritti all’I.I.C.E.; questi saranno tenuti a versare, su un cc bancario che sarà comunicato al momento dell’accettazione, una quota di partecipazione di euro 50 (cinquanta).
Nella seconda circolare verranno forniti il programma preliminare, una lista di alberghi e B&B, informazioni sul trasporto da/per aeroporto e altro.

Organizzato da:
Istituto Italiano per la Civiltà Egizia (I.I.C.E.)
Museo del Papiro “Corrado Basile”-Istituto Internazionale del Papiro

Comitato scientifico:
Giuseppina Capriotti, Maria Cristina Guidotti, Rosario Pintaudi, Gloria Rosati, Silvia Strassi.

Comitato organizzatore:
Corrado Basile, Anna Di Natale, Vincent Laisney, Rosario Pintaudi.
... See MoreSee Less

Vedi su Facebook

Il pugnale di ferro di Tutankhamon. L'origine meteoritica era già nota.

A proposito del pugnale di ferro di Tutankhamon … nessun ‘segreto’ svelato recentemente.
Che il ferro della lama di uno dei due preziosi pugnali trovati nell’involucro della mummia del giovane faraone del XIV sec. a.C. fosse di origine meteoritica era noto da decenni. Per quanto di personale conoscenza, tale informazione mi è stata data negli anni Settanta dal chimico che, circa cinquant’anni addietro, si era occupato delle analisi sul reperto.
Ho avuto l’onore di essere amico del chimico egiziano Zaky Iskander, che conobbi nel 1970 quando ricopriva la carica di Direttore Generale degli Affari Tecnici dell’Egitto e che, nel 1972, mi invitò a Londra in occasione della prima mostra all’estero dei reperti della famosa tomba di Tutankhamon. Zaky Iskander è stato allievo e poi successore, nella carica di direttore del Laboratorio chimico del Servizio delle Antichità al Cairo, del noto Alfred Lucas, il quale, assistito tra l’altro dallo stesso Iskander, condusse analisi sui reperti della tomba di Tutankhamon. Ricordo ancora oggi quando Iskander, durante uno dei miei soggiorni al Cairo, mi raccontò che uno dei pugnali di Tutankhamon aveva la lama di ferro di origine meteoritica e ricordo, in particolare, il suo entusiasmo quando mi mostrò pezzi di meteoriti esposti in una teca del Museo Egizio del Cairo, chiamandoli “pezzi di ferro caduti dal cielo”.
Non posso accettare l’affermazione che “incredibilmente, però, finora nessuno aveva fatto analisi”, come riportato recentemente in articoli di stampa che hanno divulgato i risultati del progetto di studio, finanziato dal Ministero degli Affari Esteri italiano, condotto dall’Università di Pisa, dai Politecnici di Milano e di Torino, dal CNR, dal Museo Egizio del Cairo e dall’Università del Fayyum. Per quanto si legge, le indagini hanno stabilito tra l’altro, attraverso la fluorescenza a raggi X, che si tratta di un metallo ‘alieno’ e ciò dalla composizione del ferro, che contiene nichel al 10% e cobalto allo 0.6%.
Voglio ricordare, soprattutto per rispetto verso altri studiosi, che non risulta a verità che “finora nessuno aveva fatto analisi” per accertare l’origine del ferro del pugnale di Tutankhamon. Chi volesse può trovare in letteratura validi riferimenti ma a conferma di quanto esposto è sufficiente citare un articolo di Zaki Iskander (per quanto risulta, ignorato dagli autori del progetto di studio), il quale nel 1981 scriveva testualmente: “La determinazione di nichel in un antico manufatto di ferro offre un mezzo per determinare se si tratta di ferro meteoritico o di ferro fatto dall’uomo, poiché il ferro meteoritico contiene sempre nichel nel rapporto 4-20%. Il famoso pugnale di ferro di Tuthankhamon è stato esaminato per l’autore attraverso analisi degli spettri di emissione ed è stato dimostrato che il ferro del pugnale contiene una buona quantità di nichel, provando così che il ferro è di origine meteoritica”. Va anche detto che altri manufatti di ferro meteoritico facevano parte del corredo funerario del faraone adolescente, e tutti i manufatti, ad eccezione di un amuleto, “furono analizzati dal Dr Iskander e si trovò che contenevano nichel in quantità tale da provare la loro origine meteoritica” (Bjorkman 1973). Pertanto, le recenti analisi eseguite sulla lama di ferro meteoritico del pugnale appartenente al corredo funerario di Tutankhamon vanno considerate solo una conferma ulteriore di quanto già noto.
Siracusa, 31 maggio 2016
... See MoreSee Less

Vedi su Facebook

Museo del Papiro “Corrado Basile”
Si è concluso il Progetto Scuola 2015-2016 “Un viaggio lungo cinquemila anni”, organizzato e svolto dal Museo del Papiro. Il progetto, comprendente visite didattiche guidate e laboratori di manifattura della carta di papiro e di scrittura geroglifica, ha visto l’ampia partecipazione di studenti di ogni ordine e grado e di docenti.
Il Museo del Papiro è lieto del successo riscontrato e sta già programmando, per il nuovo anno scolastico, nuovi laboratori di didattica pratica.
Arrivederci … con questa bella immagine di bambini entusiasti che mostrano i fogli di carta di papiro da loro stessi fabbricati.
... See MoreSee Less

Vedi su Facebook
Orari Visite
Da Maggio a Settembre:

Martedì – Sabato: 10.00 – 19.00
Domenica e Festivi: 10.00 – 14.00

Da Ottobre ad Aprile:

Martedì – Domenica: 9.30 – 14.00


 
Ultimo ingresso: un’ora prima della chiusura


Giorni di Chiusura:
Lunedì, 1 Gennaio, 25 Dicembre

Comunicazioni
Galleria
Visite in LIS

Si organizzano visite in Lingua Italiana dei Segni.

Per informazioni o prenotazioni contattare il Museo del Papiro inviando una e-mail all'indirizzo segreteria@museodelpapiro.it o telefonando all'Ente Sordi di Siracusa al numero 093133567.

lis