info dovesiamo


Il Museo del Papiro “Corrado Basile”, creato e gestito dall’Istituto Internazionale del Papiro, istituzione culturale avente personalità giuridica senza fini di lucro, è stato fondato da Corrado Basile e Anna Di Natale nel 1987.

home1

Il Museo del Papiro si occupa dello studio, della conservazione e della divulgazione delle testimonianze della cultura del papiro, cui spetta un posto di prim’ordine nella storia della civiltà. Il Museo svolge attività di recupero di manufatti e di documentazione sull’uso della pianta del papiro tra le diverse popolazioni, nonché attività di ricerca i cui risultati hanno fornito un concreto contributo alla soluzione di molti quesiti che vanno dall’origine del papiro alla salvaguardia dei papiri del fiume Ciane (Siracusa), dalla valorizzazione delle tradizioni storiche legate al papiro agli studi sulle antiche tecniche di manifattura e al trattamento e conservazione dei documenti papiracei.

Facebook

Notizia ANSA:
AL CAIRO L’ITALIA SALVA I PAPIRI
NEL LABORATORIO DI RESTAURO NATO COL SOSTEGNO DI SIRACUSA E MAE

IL CAIRO - E' nata grazie all'Italia la struttura che quotidianamente affronta l'immane e delicatissimo compito di restaurare e conservare all'Umanità i papiri del Museo egizio del Cairo salvandoli dall'azione demolitrice del tempo o ricomponendoli, come in un folle puzzle, quando la macina dei millenni li ha sbriciolati in migliaia di frammenti.
A ricordare che il "Laboratorio di restauro dei papiri" del museo cairota è stato allestito dall' "Istituto internazionale del papiro - Museo del papiro" di Siracusa con l' "aiuto" finanziario della Provincia siciliana nel 2004 è una targa dorata all'interno delle sue porte aperte per l'ANSA dal suo direttore, Moamen Othman.
Un contributo rilevante come noto è venuto però dal programma 'commodity aid' della Cooperazione italiana che consentì l'acquisto di strumenti ad alta tecnologia: fra l'altro un laser per la "fotoablazione" (per la pulitura di superfici estremamente delicate senza l'uso di prodotti chimici) ed uno spettrometro portatile Fluorescenza a Raggi X per le indagini non invasive che consente l'identificazione degli elementi chimici caratterizzanti un pigmento o qualsiasi altro materiale.
La collezione del museo, custodita anche in celle climatizzate donate sempre dall'Italia per conservare i pezzi più delicati a 18-22 gradi di temperatura e 35-45 di umidità relativa, comprende "più di 20 mila" papiri di cui solo circa 12 mila inventariati, ha stimato Moamen.
Provengono da scavi situati soprattutto nel centro e sud dell'Egitto, aree più calde e secche rispetto a quella del delta del Nilo la cui umidità ha distrutto quasi tutti questi fragili supporti di scrittura.
Le priorità di intervento del laboratorio sono i papiri esposti al museo e il tipo è quello "conservativo, non-estetico", teso quindi a "rispettare l'originalità" senza "mai aggiungere" colori o tratti, ha spiegato il direttore in perfetto italiano appreso fra l'altro all'Opificio di pietre dure di Firenze nei primi anni 2000.
Un esempio di questo approccio é un papiro che viene restaurato in queste settimane e che riporta alcuni capitoli di un "Libro dei morti" risalente a circa 3.200 anni fa.
Appena restaurati ed esposti nel novembre scorso al termine di tre mesi di lavori sono i 20 metri del "Papiro di Yuya e Tuya", probabilmente bisavoli di Tutankhamon, il quarto più lungo al mondo dopo quello di 40 metri conservato a Londra, uno di 30 esistente a Torino e uno di 25 metri del Metropolitan Museum of Art di New York.
Inoltre "stiamo esaminando il piccolo rotolo di Hemaka, il più antico papiro non-scritto mai rinvenuto", risalente alla prima dinastia, quindi a prima del 3.000 a.C., ha segnalato Moamen, i cui cinque collaboratori stanno restaurando anche i papiri di "Wadi el-Jarf", i più antichi 'iscritti', rinvenuti nel 2013 sul Golfo di Suez e datato a circa il 2.600 a.C.
Uno di questi è una specie di foglio excel ante-litteram, nelle cui precisissime celle sono riportati fra l'altro salari di lavoratori, mentre su un altro si nota anche un "cartiglio" (un ovale) contenente il nome di Cheope, il faraone della più grande a antica delle tre piramidi di Giza.
Restaurato da Corrado Basile e Anna di Natale, i fondatori del museo siracusano, al Cairo spicca anche il papiro Gebelein, risalente all'Antico Regno, prima metà del III millennio a.C., rinvenuto da una missione del Museo Egizio di Torino, e che fino alla scoperta di quelli di Wadi el-Jarf era il più antico conosciuto al mondo. E' stato esposto per la prima volta nell'agosto scorso in occasione della visita al Cairo del ministro degli Affari esteri Enzo Moavero Milanesi.
Nel caleidoscopio di geroglifici, simboli, animali, divinità, faraoni, tenui colori e quant'altro resta sui papiri in lavorazione al laboratorio o esposti al museo, l'altro giorno impressionava la scatola di frammenti grandi al massimo come scuri coriandoli e molti della consistenza di polvere: provengono viene da Saqqara, a sud del Cairo, e in sei mesi gli specialisti di Moamen contano di ricomporlo.(ANSA).
Foto: Museo Egizio del Cairo - Corrado Basile (Direttore del Progetto di restauro dei papiri) e Moamen Othman (Direttore generale del Dipartimento di Restauro del Museo Egizio del Cairo) durante un intervento di restauro di un papiro.

https://ansa.it/canale_viaggiart/it/…
... See MoreSee Less

Vedi su Facebook

MUSEO DEL PAPIRO “CORRADO BASILE”
Unico Museo dedicato al papiro e ai suoi usi
Progetto Scuola 2018-2019:
UN VIAGGIO LUNGO CINQUEMILA ANNI.
VISITE GUIDATE E LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO
Percorso 1. Visita guidata con visione della manifattura della carta di papiro
Percorso 2. Visita guidata e Laboratorio di manifattura della carta di papiro
Richiedi la Circolare e prenota il percorso scelto.
____________________________________
Museo del Papiro “Corrado Basile”
Istituto Internazionale del Papiro
Unica sede: ex convento di Sant’Agostino in Ortigia
Via Nizza, 14 – 96100 Siracusa
Tel. 0931 22100
segreteria@museodelpapiro.it
info@museodelpapiro.it
www.museodelpapiro.it
... See MoreSee Less

Vedi su Facebook

Carissimi tutti,
sono estremamente commosso per i numerosi messaggi di auguri ricevuti per il mio ottantesimo compleanno. Sono rimasto sorpreso: non mi sarei mai aspettato una partecipazione così sentita. Il Vostro affetto e la Vostra vicinanza mi incoraggiano a continuare e a pensare a nuovi progetti per il Museo del Papiro.
Un semplice grazie, ma di cuore, a tutti.
Corrado Basile
... See MoreSee Less

Vedi su Facebook

Buon compleanno!
Oggi Corrado Basile compie 80 anni.
Tanti auguri e un immenso grazie per quello che ha fatto e che continua a fare, per la sua vita dedicata al ‘papiro’, per la sua passione, per il suo impegno instancabile che lo hanno portato, tra l’altro, ad essere conosciuto ed apprezzato a livello internazionale e a costruire a Siracusa un punto di riferimento di respiro internazionale per gli studi intorno al papiro.
A Corrado Basile va la più profonda gratitudine di tutti noi.
... See MoreSee Less

Vedi su Facebook

Il Museo del Papiro “Corrado Basile” su Air France Magazine del mese di gennaio 2019. ... See MoreSee Less

Vedi su Facebook
Orari Visite
Da Maggio a Settembre:

Martedì – Sabato: 10.30 – 18.00
Domenica e Festivi: 10.30 – 14.00

Da Ottobre ad Aprile:

Martedì – Domenica: 9.30 – 14.00


 
Ultimo ingresso: un’ora prima della chiusura


Giorni di Chiusura:
Lunedì, 1 Gennaio, 25 Dicembre

Comunicazioni
Galleria
Visite in LIS

Si organizzano visite in Lingua Italiana dei Segni.

Per informazioni o prenotazioni contattare il Museo del Papiro inviando una e-mail all'indirizzo segreteria@museodelpapiro.it o telefonando all'Ente Sordi di Siracusa al numero 093133567.

lis